Newsroom

Torna alla Newsroom

8 donne su 10 che superano un cancro riescono ad avere un figlio l’anno successivo

di Fertilab Barcelona Fertilab Barcelona
21-09-2022

Con le misure di conservazione di fertilità adeguate, oltre il 50% dei pazienti ha un figlio con i propri gameti. Tuttavia, il 90% dei pazienti deve ricorrere alla donazione di gameti o embrioni per avere un figlio sano. La clinica Fertilab Barcelona assume il dott. Alex Garcia-Faura come nuovo direttore di R&S&I e direttore dell’Unità di oncofertilità

Negli ultimi 20 anni, l’oncofertilità è una delle specialità che sta raggiungendo una forte rilevanza, dato che più dell’80% dei pazienti sopravvive a un cancro con un’ottima qualità di vita. Tuttavia, abbiamo registrato un aumento dei casi di cancro ginecologici di persone in età riproduttiva e di cancro infantile. Inoltre, di recente si è registrato un aumento esponenziale di casi di cancro di colon e di polmoni a causa dell’incremento del numero di donne fumatrici. Pertanto, l’oncofertilità come disciplina lavora per migliorare la salute riproduttiva di quei pazienti che superano il cancro, con l’obiettivo che possano pianificare un progetto familiare una volta superata la malattia.

Un altro fattore da tenere in considerazione è il ritardo della maternità che, in Spagna, colloca l’età media del primo parto tra i 27 e i 32 anni. Questa tendenza fa sì che l’età di gravidanza e l’età del rischio di cancro coincidano sempre di più, soprattutto a partire dai 40 anni. Secondo i dati della clinica di riproduzione assistita Fertilab Barcellona oltre il 90% dei sopravvissuti al cancro viene accettato dal Comitato per l’oncofertilità per avviare il loro progetto familiare.

Di questi, più dell’80% dei pazienti alla fine raggiunge l’obiettivo di portare a casa un bambino sano, con un tempo medio dalla prima visita al parto compreso tra uno e un anno e mezzo, a seconda che ci siano ulteriori problemi di infertilità. Se sono state adottate misure appropriate di preservazione di fertilità, come il congelamento di ovociti o sperma, più del 50% dei pazienti avrà un figlio con i propri gameti. Tuttavia, attualmente il 90% dei pazienti deve ricorrere alla donazione di gameti o embrioni per avere un figlio sano a casa.

In questo senso, il dottor Alex Garcia-Faura, rinomato specialista e ricercatore in riproduzione assistita a livello internazionale, afferma che "i pazienti hanno bisogno di qualcuno che gli dica che è possibile. Abbiamo riscontrato casi che dal momento in cui il paziente è guarito dal cancro fino alla prima consultazione sono passati fino a 8 anni. Le donne devono conoscere le loro opzioni, vogliamo che non si rimandino, si consultino e si informino. In caso di una diagnosi recente, è importante richiedere una prima visita urgente presso un’unità specializzata".

Il dott. Garcia-Faura si è recentemente unito a Fertilab Barcelona per dirigere l’Unità di oncofertilità, specializzata in pazienti che hanno superato un cancro, grazie alla sua vasta esperienza e specializzazione in questo campo della medicina riproduttiva, in cui ha promosso vari progetti e ha ricevuto diversi riconoscimenti nazionali e internazionali. Dopo 18 anni di sviluppo della sua carriera professionale in altri progetti nella città di Barcellona, entra a far parte di Fertilab Barcelona al servizio delle donne e delle coppie che desiderano realizzare il sogno di avere un figlio. Inoltre, il medico e ricercatore catalano assumerà il ruolo di nuovo direttore di Ricerca, sviluppo e innovazione della clinica di Barcellona e della sua banca di gameti Fertibank.

Quali sono le possibilità di avere un figlio dopo un cancro? Il dott. Garcia-Faura presenta quattro aspetti da tenere in considerazione per prendersi cura della salute riproduttiva e conoscere le possibilità di avere un figlio dopo un cancro. Preservare la fertilità. Di fronte a una diagnosi di cancro, è essenziale come paziente conoscere le diverse opzioni di cui dispone per preservare la loro fertilità. Dalle tecniche che possono ridurre i rischi del trattamento oncologico sulla loro fertilità futura, alle tecniche che permettono di conservare i gameti (ovuli o sperma) o embrioni in modo da poter diventare madre in futuro. Raccogliere il maggior numero di informazioni possibili. Una volta terminato il trattamento oncologico, è necessario raccogliere tutta la documentazione per garantire che la gravidanza sia sicura e per conoscere il momento e il metodo migliore da seguire per ottenere una gravidanza. Supporto psicologico. È fondamentale il sostegno psicologico della paziente in questo momento di grande angoscia per il cancro, allo stesso tempo in cui deve porsi domande sul loro futuro riproduttivo. Avere un’immagine globale con opzioni personalizzate. Valutare i rischi del trattamento oncologico sulla gestazione, della gestione sul rischio di ricaduta del cancro. Si deve decidere insieme quali opzioni sono possibili e quali rappresentano un rischio eccessivo o che non possiamo assumere Con l'incorporazione del dott. Garcia-Faura, Fertilab Barcelona e Fertibank continuano a puntare sul talento e sull’esperienza per continuare a basare i propri servizi di riproduzione assistita sull'eccellenza medica, sull’internazionalizzazione, sull’innovazione e ricerca, e sulla personalizzazione dei trattamenti in base a diagnosi accurate e appropriate per ogni paziente, con team multidisciplinari e un approccio più umano. Il monitoraggio umano del paziente non influenza le percentuali di successo, ma vuole rendere il percorso più facile e prendere decisioni consensuali.


******
Per saperne di più su Fertilab Barcellona
Fertilab Barcellona opera da oltre 25 anni con il fermo proposito di aiutare i propri pazienti a realizzare il sogno di avere un figlio con le tecniche più appropriate e avanzate, offrendo le migliori garanzie di successo con i minori rischi, attraverso una vera e propria medicina riproduttiva personalizzata reale e l'eccellenza medico-scientifica nella diagnosi e nell’esecuzione dei trattamenti di fertilità e riproduzione assistita.

Scarica l'immagine

Contatta l'autore

Fertilab Barcelona Fertilab Barcelona

Per contattare l’autore scrivi a: redazione@notiziabile.it

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK