Newsroom

Torna alla Newsroom

DIGITALmeet, la sanità del futuro è nelle Digital Pills

di Alessandro Macciò
09-09-2020

Il grande festival sul digitale torna in anteprima a settembre con tre webinar

Focus su Telemedicina, APP e privacy con Aiac e Anaao Assomed Sicilia

Padova, 8 settembre 2020 - Il futuro della sanità è già alle porte. E a settembre, per scoprire quello che ci attende, DIGITALmeet lancia il format Digital Pills: il più grande festival diffuso italiano sul mondo del digitale, a cura di Fondazione Comunica e Icenter TAG Padova da martedì 20 a sabato 24 ottobre, propone un’anteprima con tre webinar gratuiti sulle nuove frontiere della medicina in collaborazione con AIAC Sicilia - Associazione Italiana Aritmologia e Cardiostimolazione e Anaao Assomed Sicilia - Associazione Medici Dirigenti con il supporto non condizionato di Abbott. Tre “pillole” rivolte a tutti per conoscere da vicino la Sanità Digitale, un mondo in veloce cambiamento in cui i dati e le tecnologie stanno diventando i protagonisti non solo nei laboratori di ricerca ma anche nella gestione quotidiana delle malattie e dei pazienti. I tre incontri, tutti in programma alle 17, saranno introdotti da Gianni Potti, Presidente di Fondazione Comunica e Founder DIGITALmeetGiuseppe Sgarito, Presidente Regionale di Aiac Sicilia, e Antonino Palermo, Segretario Generale di Anaao Assomed Sicilia. Le iscrizioni sono aperte su [a]https://digital-pills.eventbrite.it./|https://digital-pills.eventbrite.it.[/a]   Il ciclo di incontri comincia giovedì 10 con La Telemedicina: cos’è, perché se ne parla e dove ci porterà. Dalle cure domiciliari alla connessione con le case di riposo, passando per il monitoraggio remoto dei dispositivi medici, la Telemedicina è uno strumento che permette di avvicinare il medico al paziente nella sua vita di tutti i giorni, per favorire cure più tempestive e più efficienti. Calogero Casalicchio (Ospedale San Giovanni di Dio, Agrigento) parlerà dei passi fatti finora e degli sviluppi che arriveranno, in particolare in ambito cardiologico. Digital Pills continua giovedì 17 con Le APP per il cuore, una riflessione sulle APP che promettono di farci del bene e di aiutarci a curare la nostra salute: quante e quali sono utili davvero? Saranno davvero un nuovo strumento di terapia? La discussione sul ruolo delle APP nella sanità di oggi e di domani coinvolgerà Giuseppe Picciolo (IRCCS Ospedale Piemonte di Messina) e  Giacomo Risitano, Docente di Ingegneria all’Università di Messina.
La centralità del paziente: a chi servono i miei dati?, il terzo e ultimo incontro in programma giovedì 24, mette al centro il ruolo e l’utilizzo dei dati sanitari e personali del paziente, le loro potenzialità ma anche i rischi legati alla privacy. Un’occasione per affrontare alcuni falsi miti dei ladri di dati e dare un contesto alla gestione futura dei dati personali e dei benefici sanitari che ne derivano. I relatori saranno Daniela Dugo (AOU Policlinico Vittorio Emanuele di Catania), Alessandra Piccolo, Data Protection Officer presso tre aziende sanitarie di Messina e consulente in materia di protezione dei dati presso l’Assessorato alla Salute della Regione Sicilia, e Massimo Russo, Presidente Onorario di Innovazione per l’Italia - Centro Studi sulla Sanità e la PA.   «Questa edizione di DIGITALmeet non poteva lasciare fuori il grande tema della salute - dichiara Gianni Potti -. Quello che abbiamo vissuto ci ha insegnato l'importanza di vedere il digitale come una risorsa, uno strumento per migliorare le nostre vite. Anche nel mondo della sanità, dalla ricerca alla gestione di tutti i giorni in ospedali e ambulatori, è fondamentale diffondere le possibilità che l’innovazione ci mette a disposizione, per affiancare i medici e rendere il loro lavoro ancora più efficiente e funzionale alle richieste di ogni singolo paziente».   «La pandemia da coronavirus ha fatto da catalizzatore per lo sviluppo e l’adozione esponenziale della telemedicina, favorendo una rivoluzione straordinaria destinata a cambiare nell’immediato futuro l’assistenza sanitaria in modo sistemico – aggiunge Giuseppe Sgarito -. Ciò avvicinerà virtualmente medici e pazienti favorendo cure più tempestive ed efficienti. Le Digital Pills hanno il compito fondamentale di introdurre il cittadino a un nuovo modo di fare medicina che, nell’immediato futuro, farà parte della vita di tutto il Paese».

Scarica l'immagine

Contatta l'autore

Alessandro Macciò

maccioal@gmail.com

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK