Newsroom

Torna alla Newsroom

Marco Sciarretta con il singolo “Sul tetto del Tram” inaugura il progetto "Tra Nisida ed Atlantide"

di Elisa Iacono
10-09-2020

Il brano “Sul tetto del tram” inaugura, assieme ad altre tre tracce, il progetto di Marco Sciarretta, cantautore milanese attualmente trapiantato su suolo spagnolo, dal titolo Tra Nisida ed Atlantide, sulle piattaforme principali dal 21 agosto 2020.




Il brano “Sul tetto del tram” inaugura, assieme ad altre tre tracce, il progetto di Marco Sciarretta, cantautore milanese attualmente trapiantato su suolo spagnolo, dal titolo Tra Nisida ed Atlantide, sulle piattaforme principali dal 21 agosto 2020.
Il rumore di un veicolo appena entrato in stazione introduce ritmi dal sapore gitano tra chitarra, percussioni e fisarmonica: musica folk che fa da sfondo alla voce vellutata dell’autore e ad un testo dai risvolti fiabeschi. “Era facile guardare, era facile sognare  Da quel regno lì al sicuro.  Ed era tutto irreale, già di corsa anche allora…”. Si apre con queste parole “Sul tetto del tram”, per raccontare degli anni della fanciullezza, del periodo in cui il cantautore, abitando di fianco ad una rimessa, aspettava impaziente l’entrata del muso del tram. Immaginava di saltare sul tetto di un vagone, sognando e volando con la fantasia, per poter girare la sua immensa Milano. Altri tre singoli fanno parte del repertorio attuale del progetto: “E poi pensi”, “Breve viaggio” e “Quanto tempo hai”, tutti pubblicati tra luglio ed agosto e che, entro fine anno, andranno a completare l’album di nove inediti, più tre parlati ed una cover. Una passione per la musica, quella di Marco Sciarretta, respirata in famiglia ed assorbita grazie anche all’amore per i cantautori dagli anni ’60 agli anni ’80 (da qui il titolo, dalla Nisida di Edoardo Bennato all’Atlantide di Francesco De Gregori), di cui risente le influenze e grazie ai quali comincia a suonare la chitarra in diversi gruppi in adolescenza. Per i seguenti 30 anni accompagna la carriera da musicista a quella di gestore di locali di musica dal vivo (tra cui L’Arlecchino in provincia di Cremona), avendo così la possibilità di esibirsi con grandi nomi, nazionali ed internazionali, del panorama jazz e folk: Giorgio di Tullio, Barbara Boffelli, Larry Lay (componente del gruppo The Platters), Sergio Bassi, per citarne qualcuno. E proprio con Sergio Bassi, purtroppo scomparso da poco per complicanze da covid, collabora in due album, uno dei quali “Cavallo Pazzo”, andato in tour nel 2008 per tutto il territorio lombardo. “L’ingrediente che mi fa sentire pronto oggi a proporre mie incisioni è il lungo percorso musicale con grandi artisti. Ho un centinaio di pezzi già pronti, ma non ho mai scritto qualcosa pensando che potesse fare colpo o che diventasse un tormentone”, questa la linea di pensiero di Marco Sciarretta, che fa di lui un artista anticonformista e libero da logiche sistemiche e che oggi, a 48 anni, è pronto a lanciarsi nel mercato discografico, dopo una vita costruita attorno alla musica.

Scarica l'immagine

Contatta l'autore

Elisa Iacono

lisaiaconodj@gmail.com

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK