Newsroom

Torna alla Newsroom

Orientamento giovanile ai tempi del Covid 19

di ROBERTO TRAVAGLIA
11-01-2023

ORIENTAMENTO GIOVANILE AI TEMPI DEL COVID 19 .
DALLA CONNESSIONE VIRTUALE ALLA CONNESSIONE A SE STESSI, AGLI ALTRI E ALLA NATURA 

Perché i giovani? Perché parlare di ORIENTAMENTO GIOVANILE?

Per tutti noi vivere nel periodo della pandemia, con tutto ciò che comporta, ha creato e crea numerose conseguenze che possono incidere sull’equilibrio psicologico. Esse hanno radicalmente cambiato le nostre vite, con risvolti specifici in ambito economico, sociale e psicologico. L’emergenza sanitaria ha mutato il contesto di vita degli adolescenti, portando alla chiusura delle scuole, all’introduzione della Didattica a Distanza (DaD,) al confinamento nelle proprie case, all’impossibilità di avere contatti in presenza con i propri pari e alla sospensione di tutte le attività extrascolastiche.


"Troverai più cose nei boschi che nei libri. Gli alberi e i sassi ti insegneranno cose che nessun uomo ti potrà dire." Bernard di Clairvaux. Un ritorno a riscoprire il mondo "verde" immergendosi nella Natura. Questo è il messaggio che Roberto vuole proporre ai giovani.

Riportare i giovani alla natura e alla terra, non è così scontato. Oggigiorno, i giovani vivono nell'ininterrotta attesa di informazioni sempre nuove, segnalate da vibrazioni e dai suoni più svariati dei telefonini, dotati non più solo di sms, ma di tutti gli strumenti di comunicazione messi a disposizione da internet (Facebook, Twitter, Chat, YouTube, Instagram, ecc...) Giovani e natura è un connubio vincente?? La natura può essere considerata una risorsa di inestimabile valore, poiché offre stimoli, che non possono essere riprodotti artificialmente e questo contribuisce allo sviluppo fisico e cognitivo e promuove un comportamento più attivo, sociale e partecipativo con effetti positivi sulla salute fisica e mentale immediati e a lungo termine. Ed è per questo che la parte finale del libro è dedicata a pratiche da esperire in Natura.

L'opera ceramica intitolata: "L'Urlo silenzioso,di IVAN LICCIARDI " è una scultura originale ed unica: realizzata in argilla refrattaria bianca; si manifesta palesemente contemporanea, dall'aspetto dettagliato e viscerale. Fra pandemia e tecnologia, una scultura agambeniana, "fa parte della barbarie tecnologica che stiamo vivendo la cancellazione dalla vita di ogni esperienza dei sensi e la perdita dello sguardo, durevolmente imprigionato in uno schermo spettrale." L'uomo, per quanto ne può sapere, non deve dimenticare ciò che è... non deve perdere la sua umanità.

GIOVANI E NATURA: UN CONNUBIO VINCENTE? “La natura può essere considerata una risorsa di inestimabile valore, poiché offre stimoli, che non possono essere riprodotti artificialmente e questo contribuisce allo sviluppo fisico e cognitivo e promuove un comportamento più attivo, sociale e partecipativo con effetti positivi sulla salute fisica e mentale immediati e a lungo termine.” (Burton e Pretty, Environ Science and Technology, maggio 2010.) Il binomio giovani e ambiente può essere una formula vincente? Nel corso degli ultimi anni, l’ambiente è tra gli interessi (e le preoccupazioni!) principali.

Scarica l'immagine

Contatta l'autore

ROBERTO TRAVAGLIA

Per contattare l’autore scrivi a: redazione@notiziabile.it

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK