Newsroom

Torna alla Newsroom

THE DREAM - Artisti contro l'emergenza climatica

di Art Press
06-08-2022

THE DREAM
SPAZIO SV - Campo San Zaccaria - VENEZIA
14.07>10.09.2022
La mostra-evento THE DREAM a Venezia durante il periodo Biennale Arte, affronta la tematica ambientale ed esplora il ruolo dell’arte come esortazione alla presa di responsabilità verso l’emergenza climatica. E' un progetto artistico che rientra nelle attività dei movimenti di attivismo artistico ARTIVISM e SHIM ECO aperti al dialogo e basati sul credo che l’arte possa fare la differenza, ispirare senso critico e coltivare la consapevolezza per un cambiamento sociale. La mostra è ospitata presso l'antico SPAZIO SV fino al 10 Settembre ed è curata dagli artisti Alessandra MAS e Peter HOPKINS, motori propulsivi dei movimenti e da Diana HOHENTHAL gallerista berlinese. L'esposizione, come fa intendere il titolo, vuole sì diffondere il messaggio di denuncia attraverso le arti visive ma non mediante lo shock, bensì attraverso un viaggio onirico, un sogno ad occhi aperti, per svegliare dal sonno dell’indifferenza e che possa suscitare riflessioni e reazioni concrete.  THE DREAM, affianca Artisti affermati e giovani da oltre 20 Paesi diversi e tutti con modalità espressive differenti condividono i seguenti principi: la passione per l’arte, la consapevolezza della propria responsabilità verso il pianeta, la sfida per il risveglio delle coscienze.

“Quelli che sognano ad occhi aperti, sono a conoscenza di molte cose che sfuggono a chi sogna addormentato.”  EDGAR ALLAN POE

Lo Spazio SV ha il piacere di ospitare la mostra-evento THE DREAM, che affronta la tematica ambientale ed esplora il ruolo dell’arte come esortazione alla presa di responsabilità verso l’emergenza climatica. Il progetto artistico rientra nelle attività dei movimenti di attivismo artistico ARTIVISM e SHIM ECO sviluppati come  movimenti aperti al dialogo che abbracciano diverse discipline, basato sul credo che l’arte possa fare la differenza, ispirare senso critico e coltivare la consapevolezza per un cambiamento sociale. L’artista francese Alexandra Mas, qui in veste anche di curatrice e vero motore propulsivo del progetto, da tempo sostiene attivamente il movimento e quando ebbe l’occasione di incontrare Peter Hopkins del network artistico SHIM Art  il dialogo fu immediato, e uniti dal medesimo sentire e dalla stessa volontà di operare, diedero vita a SHIM ECO, una piattaforma open source con una struttura non gerarchica che collega artisti, creativi di diverse discipline, scienziati, filosofi, a livello mondiale, per condividere informazioni e opere incentrate sui cambiamenti climatici, l'ambiente e la giustizia sociale al fine di sensibilizzare e ispirare un cambiamento. 

Sicuramente la crisi climatica è un problema grave e complesso e le soluzioni risultano scomode per noi tutti, i messaggi politici vengono considerati noiosi e poi trascurati,  il mondo creativo con la sua capacità comunicativa dirompente può arrivare forte al pubblico e facendo riflettere, stimolare provvedimenti individuali per contribuire a un mondo più pulito. Da queste riflessioni nasce il progetto THE DREAM, dove l’esperienza incontra la gioventù e dove con modalità espressive differenti tutti condividono i seguenti principi:  la passione per l’arte, la consapevolezza della propria responsabilità verso il pianeta, la sfida per il risveglio delle coscienze, l’apertura al dialogo e la disponibilità ad apprendere cose nuove in ogni situazione.  La mostra, come fa intendere il titolo, vuole sì diffondere il messaggio di denuncia attraverso le arti visive ma non mediante lo shock, bensì attraverso un viaggio onirico, un sogno ad occhi aperti, per svegliare dal sonno dell’indifferenza e che possa suscitare riflessioni e reazioni concrete. L’esposizione accoglierà la ventitreenne ucraina Alona FEDORENKO, accanto al fotografo di fama mondiale Winnie DENKER. Verranno presentati lavori di Sébastien LAYRAL che riflettono sulla giustizia sociale, i video d'arte inclusivi di Philippe FORTE-RYTER con il MEZamorphose ORchestr-ALL; l'approccio scientifico di Roz DELACOUR; la pura poesia ecologica di Nana DIX e Boris POLLET; le monumentali opere accusatorie di Sarah OLSON o Bernard GARO; un pizzico di umorismo di Stéfanie RENOMA o Victoria TASCH anche alcuni artisti che fanno parte di collezioni museali come Haralampi G. OROSCHAKOFF hanno abbracciato questo progetto con entusiasmo e lo hanno sostenuto con la loro partecipazione.Venezia, con le peculiarità che la contraddistinguono e la rendono così fragile davanti all’incognita degli sviluppi climatici, è luogo che per sua stessa essenza diventa un amplificatore delle domande che inevitabilmente ci si pongono in merito a questi temi e Spazio SV come sempre accoglie con piacere gli autori che ci possono aiutare ad osservare e riflettere sulle problematiche che tutti siamo tenuti ad affrontare.

Scarica l'immagine

Contatta l'autore

Art Press

Per contattare l’autore scrivi a: redazione@notiziabile.it

www.fg-comunicazione.it

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK